Manifesto sulla partecipazione dei minorenni. In occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia. Roma, 18 novembre 2021

Manifesto_Redatto

La Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 1989 riconosce il diritto dei minorenni a
essere ascoltati a proposito delle questioni che li riguardano e richiede che le loro opinioni siano tenute nella
giusta considerazione: non solo infatti i bambini e i ragazzi sono gli adulti di domani ma già oggi sono persone
che di minore hanno solo l’età e che devono pertanto poter dire la loro sulle scelte che li riguardano.
L’ascolto deve essere assicurato in tutti gli ambienti di vita del minorenne secondo forme che tengano conto
del suo grado di maturità e della natura dei problemi da affrontare. La creazione di spazi in cui i giovanissimi
hanno modo di dire la loro rende trasparenti le decisioni che vengono prese a tutela dei loro diritti, riducendo
le asimmetrie relazionali tra adulti e giovani: bambini e adolescenti vengono così inclusi nei processi decisionali
che li coinvolgono.
Agli adulti resta comunque il compito di prendere le decisioni, assumendosene la responsabilità. Le istituzioni
devono tenere in adeguata considerazione le opinioni espresse e le esperienze condivise dai minorenni,
valorizzandole e includendole concretamente nel processo decisionale e, al termine, devono dare conto di
come e di quanto esse abbiano inciso nelle scelte compiute. Questo approccio permette di rendere i minorenni
pienamente consapevoli e protagonisti, poiché consente loro di monitorare la capacità di incidere nelle politiche
che riguardano l’infanzia e l’adolescenza.
La partecipazione dei minorenni diviene così elemento fondante di una nuova forma di esercizio della democrazia
che impone, sulla scorta di quanto sollecitato all’Italia a livello internazionale, di introdurre un quadro normativo
e meccanismi necessari a facilitare l’attivo coinvolgimento di bambini e adolescenti.
L’effettivo coinvolgimento nei processi decisionali permette così alle persone di minore età di accrescere la
capacità di esercitare anche il diritto alla libertà di espressione, il diritto alla non discriminazione e il diritto a un
pieno sviluppo e consente di svolgere in modo consapevole un ruolo attivo all’interno della società.

Tag:, , , ,